Forex e Grafici – Tipologie

I grafici sono delle informazioni visuali utilizzate da chi vuole effettuare un’analisi tecnica del mercato che rappresentano dei dati numerici ed indicazioni relative al movimento dei prezzi dei prezzi in un determinato spazio temporale, il quale può essere impostato in minuti, ore, giorni o mesi a seconda del tipo di analisi che si vuole effettuare. Alcuni trader utilizzano i grafici basandosi su dati giornalieri per prevedere i movimenti nel breve termine, altri invece si basano sui dati di settimane o mesi per prevedere i movimenti nel lungo termine, altri ancora preferiscono acquistare e vendere valuta utilizzando una combinazione tra i grafici a breve e lungo termine.

I grafici sono fondamentali per poter capire in che direzione sta andando il mercato e, quindi, come investire. Senza di essi non avremmo nessuna possibilità di prevedere gli andamenti delle valute; proprio per questo è necessario conoscere e saper leggere i grafici.

Esistono diversi tipi di grafici, i più diffusi sono quelli lineari (line), a barre (bar) e quelli giapponesi (candlestick).

Grafici lineari

Il grafico lineare consiste nell’unione di due punti attraverso una linea che percorre l’asse X; questi punti corrispondono ai prezzi close di una coppia di valute. Sull’asse X è rappresentato il tempo, mentre sull’asse Y sono rappresentati i valori raggiunti dalla valuta. Questo tipo di grafico è molto popolare per la sua semplicità e immediatezza nella visualizzazione dei dati, malgrado ciò è il meno utilizzato perchè è quello che fornisce meno informazioni in quanto non mostra che cosa è accaduto durante il periodo di tempo preso in esame, bensì tiene conto solamente del valore di chiusura della seduta.

Grafici a barre

Questi grafici forniscono più informazioni rispetto a quelli lineari, infatti oltre al prezzo di chiusura di una coppia di valute, rappresentato dalla lineetta orizzontale a destra, indicano anche i prezzi di apertura (open), rappresentati dalla lineetta orizzontale a sinistra, i prezzi massimi (high) raggiunti nella seduta, rappresentati dalla parte superiore della barra verticale e i prezzi minimi (low), rappresentati dalla parte inferiore della barra verticale.

Grafici giapponesi, o Candlestick

Il grafico Candlestick è forse il più utilizzato nel mercato finanziario e del Forex; è praticamente uguale al grafico a barre, ma se letto correttamente fornisce più informazioni.

La parte centrale di ogni barra (candela) rappresenta l’andamento del titolo nell’intervallo di tempo preso in esame; il punto più alto della candela è il punto di massimo, mentre quello più basso è il punto di minimo. Il colore del corpo della candela indica l’andamento del titolo; se positivo il colore sarà verde o bianco a seconda del broker, se negativo il colore sarà rosso o nero. La dimensione del corpo della candela è direttamente proporzionale ai volumi trattati in quell’intervallo di tempo.

Articoli Simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *